::: Calligrafia in movimenti, condizioni, scritture ::: Kaligrafie v pohybu, podmínky, psané záznamy ::: Calligraphie dans les mouvements, conditions, écrits ::: Calligraphy in gestures, conditions, writings ::: Caligrafía en movimientos, condiciones, escrituras ::: Kalligraphie in Gesten, Bedigungen, Schreiben

11.1.17

T S - 139

                                                                       TIA

    1

-  Ho freddo_____
-  Abbiamo__ Pochi soldi_____
-  La nonna mi fa sempre___ Male____
-  Andiamo______
-  Mamma____

-  Tia____ Durante il giorno___ Non vivremo più bugie___
-  Mamma___
-  Vieni____ Staremo insieme__ Seguimi___ Seguimi___ Sciogliamoci da lei__ E__ Dal nonno___
-  Mamma___ Non riesco a__ Dirti nulla___ Mamma___ L’erba mi colpisce___ Non come faceva__ La  
   nonna___ Le sue botte erano dure____ L’erba è più leggera___ Mamma___ L’erba__ Una casa?__
   Dove andiamo?___
   -  Dal papà__ Tia _ Te l’avevo detto___ C’è un grande mare____ Dobbiamo attraversarlo__ Lui ci  
   aspetta___ Alla fine__ Alla fine____ Ascoltami__ Sarà difficile__ Sarà lungo__ Va bene?__ Non avremo
   molto da mangiare__ Faremo tutto da sole__ Ma___ Non ci lasceremo___ Lui ci aspetta__ Tia___ Ce la   
   faremo__ Seguiamo i vicini__ Partono domani__ Poi__ Vediamo__
-  Mamma__ Mamma__ La bambola viene con me___ Sarà brava__
-  Sì_ Sì_
-  Glielo dico___
-  Sì_ Tia_ Sì_____

-  Ci saranno__ Altre amiche?
-  Ci saranno___ Tia_____

    2

-  Si gioca__ Allo stesso modo? Mamma___ Mamma___ Dalla nonna__ Non riuscivo a stare da sola__ Mi
    diceva__ Ogni volta cosa__ Dovevo__ Fare__ Mamma__ Le botte__ Tutti i giorni____ Tu___ Mi avresti  
    permesso di andare a scuola___
-  Tia__ Ora__ È finito tutto___
-  Mamma___
-  Sì?
-  Ti immaginavo___

-  Ho lavorato per il viaggio___ Per raccogliere i soldi___ Ho vissuto____ Ricordando e dimenticando__  
    Sempre___ Per il viaggio__ Tia___

-  Sono stanca___ Mamma__ Fermiamoci___
-  Solo un poco__ Tia ___ Non possiamo allontanarci troppo dagli altri___
-  Qui__ Stiamo qui__ C’è un albero___
-  È quasi deserto___ L’erba non ti punge più___ Vero?__
-  No__ Solo i vestiti degli altri__ Sulla faccia___ Come__ Con la sabbia___ Li tolgo con le mani____

-  Riprendiamo__ Forza__ Camminiamo__
-  Mamma__
-  Sì?__
-  Ieri sera___ Ho trovato un modo__ Per entrare nel cielo____ E non ho sentito più__ Nessun
   dolore____
-  Tia___
-  Gli racconto favole___ Lo chiamo Aria____
-  Tia___

    3

-  Con i lividi faccio strade __ Per andare__ In mezzo al cielo___ Mi viene bene___ Mi viene più facile___
-  Come fai?___
-  Mamma___ Prendo il ricordo___ Lo metto__ Nei segni sulla pelle__ Qui__ Qui__ Anche qui___ Lo
   faccio coricare___ Diventa debole____ Quando chiudo gli occhi___ Le macchie blu___ Si
   trasformano__ In sentieri che entrano nel cielo____
-  I sentieri___ Entrano nel cielo_____
-  Sì___ Anche di giorno___ Quando sono stanca___ Penso di camminare nel cielo___ E __ Quando__
   Non ci fermiamo__ Ti porto con me___
-  Tia__ Tia__ Siamo a terra__ Le scarpe tra poco si romperanno__ Se mi porti con te__ Oh! __ Tia_____
   Se mi porti con te____ Si romperanno più tardi___

-  Eravamo strette strette___ Tu non mi lasciavi___ Sulla nave___ Mi hai abbracciato tutto il tempo__
    Mamma______

-  Dove sei?
-  Qui ___ Mamma____ Mi chiedono di raccontare__ Non posso___ Non ci riesco___ Perché__ Me lo
   chiedono?
-  Forse serve per le pratiche___ Forse sono interessati a noi___ Se raccontiamo___ Troviamo prima
   papà___ Dormi________
-  Mamma__ Mamma___ Il cielo è__ Diverso____
-  In questo posto__ Le cose non sono uguali___
-  Qualcosa sì___
-  Senti _ L’Aria?_
-  Sì__ E’ uguale___
-  Senti__ Chi ci aiuta?_
- Sì__

    4

-  Questa volta__ Sembrano gentili___ Dovremmo essere al sicuro___ Rintracciamo il papà__ Tia____
-  Come__ Lo riconoscerò?____




In    Echi da echi - Dialoghi letterari sulle migrazioni per accorciare le distanze   Scuola di lingua italiana per stranieri   Unipapress



16.3.15

31.3.14

T S - 117



                                       ::: Istànti N° 12 - Marzo 2014