::: Calligrafia in movimenti, condizioni, scritture ::: Kaligrafie v pohybu, podmínky, psané záznamy ::: Calligraphie dans les mouvements, conditions, écrits ::: Calligraphy in gestures, conditions, writings ::: Caligrafía en movimientos, condiciones, escrituras ::: Kalligraphie in Gesten, Bedigungen, Schreiben

11.1.17

T S - 139

                                                                       TIA

    1

-  Ho freddo_____
-  Abbiamo__ Pochi soldi_____
-  La nonna mi fa sempre___ Male____
-  Andiamo______
-  Mamma____

-  Tia____ Durante il giorno___ Non vivremo più bugie___
-  Mamma___
-  Vieni____ Staremo insieme__ Seguimi___ Seguimi___ Sciogliamoci da lei__ E__ Dal nonno___
-  Mamma___ Non riesco a__ Dirti nulla___ Mamma___ L’erba mi colpisce___ Non come faceva__ La  
   nonna___ Le sue botte erano dure____ L’erba è più leggera___ Mamma___ L’erba__ Una casa?__
   Dove andiamo?___
   -  Dal papà__ Tia _ Te l’avevo detto___ C’è un grande mare____ Dobbiamo attraversarlo__ Lui ci  
   aspetta___ Alla fine__ Alla fine____ Ascoltami__ Sarà difficile__ Sarà lungo__ Va bene?__ Non avremo
   molto da mangiare__ Faremo tutto da sole__ Ma___ Non ci lasceremo___ Lui ci aspetta__ Tia___ Ce la   
   faremo__ Seguiamo i vicini__ Partono domani__ Poi__ Vediamo__
-  Mamma__ Mamma__ La bambola viene con me___ Sarà brava__
-  Sì_ Sì_
-  Glielo dico___
-  Sì_ Tia_ Sì_____

-  Ci saranno__ Altre amiche?
-  Ci saranno___ Tia_____

    2

-  Si gioca__ Allo stesso modo? Mamma___ Mamma___ Dalla nonna__ Non riuscivo a stare da sola__ Mi
    diceva__ Ogni volta cosa__ Dovevo__ Fare__ Mamma__ Le botte__ Tutti i giorni____ Tu___ Mi avresti  
    permesso di andare a scuola___
-  Tia__ Ora__ È finito tutto___
-  Mamma___
-  Sì?
-  Ti immaginavo___

-  Ho lavorato per il viaggio___ Per raccogliere i soldi___ Ho vissuto____ Ricordando e dimenticando__  
    Sempre___ Per il viaggio__ Tia___

-  Sono stanca___ Mamma__ Fermiamoci___
-  Solo un poco__ Tia ___ Non possiamo allontanarci troppo dagli altri___
-  Qui__ Stiamo qui__ C’è un albero___
-  È quasi deserto___ L’erba non ti punge più___ Vero?__
-  No__ Solo i vestiti degli altri__ Sulla faccia___ Come__ Con la sabbia___ Li tolgo con le mani____

-  Riprendiamo__ Forza__ Camminiamo__
-  Mamma__
-  Sì?__
-  Ieri sera___ Ho trovato un modo__ Per entrare nel cielo____ E non ho sentito più__ Nessun
   dolore____
-  Tia___
-  Gli racconto favole___ Lo chiamo Aria____
-  Tia___

    3

-  Con i lividi faccio strade __ Per andare__ In mezzo al cielo___ Mi viene bene___ Mi viene più facile___
-  Come fai?___
-  Mamma___ Prendo il ricordo___ Lo metto__ Nei segni sulla pelle__ Qui__ Qui__ Anche qui___ Lo
   faccio coricare___ Diventa debole____ Quando chiudo gli occhi___ Le macchie blu___ Si
   trasformano__ In sentieri che entrano nel cielo____
-  I sentieri___ Entrano nel cielo_____
-  Sì___ Anche di giorno___ Quando sono stanca___ Penso di camminare nel cielo___ E __ Quando__
   Non ci fermiamo__ Ti porto con me___
-  Tia__ Tia__ Siamo a terra__ Le scarpe tra poco si romperanno__ Se mi porti con te__ Oh! __ Tia_____
   Se mi porti con te____ Si romperanno più tardi___

-  Eravamo strette strette___ Tu non mi lasciavi___ Sulla nave___ Mi hai abbracciato tutto il tempo__
    Mamma______

-  Dove sei?
-  Qui ___ Mamma____ Mi chiedono di raccontare__ Non posso___ Non ci riesco___ Perché__ Me lo
   chiedono?
-  Forse serve per le pratiche___ Forse sono interessati a noi___ Se raccontiamo___ Troviamo prima
   papà___ Dormi________
-  Mamma__ Mamma___ Il cielo è__ Diverso____
-  In questo posto__ Le cose non sono uguali___
-  Qualcosa sì___
-  Senti _ L’Aria?_
-  Sì__ E’ uguale___
-  Senti__ Chi ci aiuta?_
- Sì__

    4

-  Questa volta__ Sembrano gentili___ Dovremmo essere al sicuro___ Rintracciamo il papà__ Tia____
-  Come__ Lo riconoscerò?____




In    Echi da echi  Dialoghi letterari sulle migrazioni per accorciare le distanze   Scuola di lingua italiana per stranieri   Unipapress



22.7.14

T S - 118



                                      ::: Istanti N° 13 - Giugno 2014


31.3.14

T S - 117



                                       ::: Istànti N° 12 - Marzo 2014


28.9.13

T S - 113



             
                                  ________________             _____           _________________
                                                        _____                      _____                           ________________                         ___________________________    __________________________________    ___






1.7.13

T S - 111


Italian - English, Maria Zambrano Collection










Stazione Maria Zambrano

UN VIDEO  UNA PERFORMANCE SONORA  UNA LETTURA

Giovanna Cossu  Eva Geraci  Lelio Giannetto  Tommasina Squadrito 

XXII Festival Forfest Czech Republic
Artus Gallery  Giugno 2011

Anghelos Centro studi sulla Comunicazione  Via Pirandello, 40   Palermo - 19 Gennaio 19 2012, ore 21

Libreria Trame  via Goito 3/C   Bologna
27 Aprile  2012,  ore 18
  
   Il video Stazione Maria Zambrano nasce da una serie di fogli dedicati al pensiero della filosofa spagnola Maria Zambrano (Vélez-Malaga, 1904 - Madrid 1991) a cui, Tommasina Squadrito attraverso la sua Officina Patosq, ha dedicato diversi lavori continuando il progetto Calligrafia senza scrittura di questi anni.
   A Maria Zambrano è intitolata la Stazione ferroviaria di Malaga e da questa suggestione nasce l’idea del video dedicato ai passaggi e agli esili di uomini, donne, eventi, ore.
  
   -Dalla stazione si può solo partire. Da questo crocevia, da questo luogo di luoghi gli arrivi sono sospesi e il blocco inizia a disnucleare gli abitanti. Si può arrivare in città a piedi, in macchina, aereo, per via di mare ma nella stazione ferroviaria non arrivano più treni. Anche gli arrivi negli aeroporti, nei porti, per le vie di terra si diradano. La città non è più stabile, i marciapiedi, le strade cominciano a sembrare cammelli. Crepe e dossi impediscono agli abitanti di camminare agevolmente, il senso del suolo assume modi inusuali. Gli edifici cominciano a inclinarsi. Una forza sale dalla terra, la frequenza del duende non riesce più a essere imbrigliata. La terra vuole respirare e lentamente scardina l’asfalto e le lastre orizzontali  che la legano. Gli abitanti riescono a camminare come se stessero cadendo, è diventata questa la loro andatura naturale, cadere è normale, fa parte del cammino. I passi si adattano alle fratture, ai dislivelli che si sono creati. C’è frenesia nella vita della città, molti vogliono partire, lasciano senza astio. Guardano indietro, non andranno in altre città, si ritrovano per fuggire perché le sue strade, i suoi marciapiedi sono resi scivolosi e tremanti dall'ingorgo di esperienze, storie che quella città non riesce a sopportare più. La città è crepata come conseguenza dei suoi vissuti, non c’è tristezza ma disagio, c’è commiato. Gli abitanti della città qariss’ita (la nuova lingua di cui avrebbe bisogno per salvarsi) non possono adattarsi ad altre, né formarne. L’esperienza della vita in quella città non dà abilità per altre fondazioni che non siano le stesse per le quali è nata. Alcuni formano ambienti in altri luoghi come spazi di passaggio, più accoglienti, accordando i loro attimi in passi più liberi.
La felicità dell’abbandono è un balsamo per la partenza. Ne sono consapevoli, vanno via felici. La stazione ha inglobato la città.-

   Il video è stato presentato nel 2011, anniversario della morte della filosofa, in prima alla Galleria Artus per il Forfest, festival di nuova musica che si svolge annualmente a Kromeriz, Rep. Ceca.

A Kromeriz è stato introdotto da Marek Trizuljak.
A Palermo  è stato proposto con improvvisazioni musicali di Eva Geraci ai flauti e  Lelio Giannetto al contrabbasso parlante,  alcuni testi sull’esilio di Maria Zambrano sono stati letti da Giovanna Cossu. Il video è stato introdotto da Fabio Alfano.
Bologna ha visto il video accompagnato da una lettura di Giovanna Cossu e dall’introduzione di Cettina Stornante.

Una notizia sui lavori per Maria Zambrano in officinapatosq.blogspot.it/p/maria-zambrano-project.html


Anghelos Centro Studi anghelos.org Curva Minore curvaminore.org    Forfest forfest.cz Trame Bookshop Gallery libreriatrame.com/   Vicolo Luvi officinapatosq.blogspot.it


MARIA ZAMBRANO STATION

A VIDEO  A SOUND PERFORMANCE  A READING

Giovanna Cossu  Eve Geraci Lelio Giannetto Tommasina Squadrito

XXII Festival Forfest Czech Republic
Artus Gallery June 2011

Anghelos Communication Studies Center Via Pirandello, 40 Palermo
Thursday, January 19 2012, 9 p.m.

Trame Bookshop Gallery via Goito 3/C Bologna
Friday, April 27 2012, 6 p.m.

The Video Station Maria Zambrano comes from a series of papers devoted to the thought of the Spanish philosopher Maria Zambrano (Velez-Malaga, 1904 - Madrid 1991)
which, Tommasina Squadrito through his Officina Patosq, has devoted several works continuing the project Calligraphy without writing of these years.
To Maria Zambrano is headed to the train station in Malaga and this suggestion by the idea of the video dedicated to the steps and the slender men, women, events, hours.

-- From there you can just leave, the arrivals are suspended and already it starts to split the inhabitants. The station has engulfed the city. You can reach the city on foot, by car, by plane, by sea, but the train did not arrive more trains. Even arrivals at airports, ports, by land are thinning. The city is no longer stable... and the sense of soil occupies unusual tones. --

The video was first presented in 2011, twenty years anniversary of the death of the philosopher, to the Artus Gallery for Forfest , contemporary music festival held annually in Kromeriz, Czech Republic.
Different forms of expression for a possible experience 'Aware' of art. 

For Kromeriz it is introduced by Marek Trizuljak.
For Palermo, is proposed with an improvisation on the flute of Eva Geraci and Lelio Giannetto, double bass, by a reading of certain texts of exile Zambrano by Giovanna Cossu and an introduction by Fabio Alfano.
For Bologna the video was accompanied by a reading of Giovanna Cossu and introduced by Cettina Stornante.

News report on the work of Maria Zambrano in

Info: patosq@gmail.com

Anghelos Centro Studi anghelos.org Curva Minore curvaminore.org Forfest forfest.cz Trame Bookshop Gallery libreriatrame.com Vicolo Luvi officinapatosq.blogspot.it